Prima Guerra Mondiale

"Joieux noel" La tregua di Natale del 1914

Joieux noel Fiaba con immagini (Si consiglia al lettore di cliccare sui file) “Uno degli inglesi venne fuori dalla trincea tenendo le mani in alto. In una aveva il berretto pieno di sigarette e tabacco inglesi; strinse le mani ai due tedeschi e augurò loro Merry Christmas. Questi ricambiarono l’augurio. Allora gli inglesi nelle trincee …

View page »

28 giugno 1914. Il mondo a una svolta

28 giugno 1914 Il mondo a una svolta “Nel punto in cui Princip sparò e uccise, i nazionalisti serbi scaveranno nel cemento le impronte dei suoi piedi. Quasi l’evocazione di un fantasma di morte. Che infatti ricomparirà molti anni più tardi, sul finire del secolo e sotto forma di guerra sanguinosa, proprio a Sarajevo”. Dario …

View page »

Beltrame e Scalarini: l'"antiguerra" (la guerra immaginata) e la guerra reale e per il socialismo

Achille Beltrame e Giuseppe Scalarini Achille Beltrame Achille Beltrame nasce ad Arzignano (provincia di Vicenza nel 1871) e muore a Milano nel 1945. Studente all’Accademia delle Belle Arti di Brera scopre quasi per caso la sua passione ma anche le sue capacità nel disegno quando si reca in Xx Montenegro nel 1896 per ritrarre la …

View page »

Caporetto, l’ “Ottobre” italiano?

Caporetto, l’ “Ottobre” italiano? Caporetto poteva diventare l’ “Ottobre” italiano? Vorrei iniziare con una citazione del grande storico Leo Valiani: “Il solo istante in cui, durante la guerra, un moto rivoluzionario sarebbe stato oggettivamente possibile in Italia, si ebbe con Caporetto”. E’ un tema al quale non è facile rispondere e che ha provocato molti …

View page »

Cento anni fa moriva Aurelio Robino

Cento anni fa moriva Aurelio Robino, colonnello dei bersaglieri Medaglia d’Oro al valor Militare In questi giorni del maggio 1917 moriva in battaglia il colonnello dei bersaglieri Aurelio Robino. Era ufficiale della Brigata “Emilia” e combatteva nella II Armata del generale Capello nella zona oggi di Nova Gorica (“Nuova Gorizia”, Gorizia slovena). Era il 17 …

View page »

Gli irredentisti giuliani e dalmati nella Grande Guerra

Gli irredentisti triestini furono poco meno di mille, i trentini che disertarono furono 760. Numeri non elevatissimi pensando ai mobilitati della Grande guerra italiana ma tali da qualificare l’irredentismo come fenomeno storico di significativa importanza. Carlo e Giani Stuparich Giovani intellettuali triestini non ebbero dubbi da che parte stare quando il loro impero entrò in …

View page »

Gli ospedali militari a Legnano al tempo della Grande Guerra

Buongiorno Direttore (Legnanonews), domenica 3 novembre saranno ricordati i caduti italiani della Prima guerra mondiale. Ricordo che sono stati 650.000, molti di più rispetto alle vittime della Seconda guerra mondiale compresi i civili uccisi dai bombardamenti. Ai morti dobbiamo poi aggiungere circa un milione di giovani che tornarono feriti, mutilati o con il sistema nervoso …

View page »

I CANTIERI NAVALI TOSI DI TARANTO, LE ORIGINI E L’EVOLUZIONE.

I CANTIERI NAVALI TOSI DI TARANTO, LE ORIGINI E L’EVOLUZIONE. ————————————————————————————————————- Sappiamo come le fabbriche sia tessili che meccaniche subirono durante la Grande Guerra il fenomeno della riconversione produttiva a favore di quella strettamente legata alle forniture militari. Per la Franco Tosi la produzione bellica durante la Grande Guerra non si svolse solo a Legnano …

View page »

I soldati di Legnano nella Grande guerra

I soldati di Legnano nella Grande guerra Introduzione Questo incontro rientra nelle iniziative del Comune di Legnano in occasione del Centenario della Grande Guerra. Ringrazio fin da ora l’Assessorato alla Cultura e in particolare l’assessore Umberto Silvestri. Questo incontro è un po’ particolare. Non è solo una rievocazione della Prima guerra mondiale ma vuole scoprire …

View page »

Il Genocidio Armeno

Il Genocidio Armeno di Betty Bozzi È all’esordio della Grande Guerra (1914-1918), appena a un anno di distanza dal suo scoppio (il conflitto ebbe inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell’Impero Austro-Un­ga­ri­co al Regno di Serbia in seguito all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este, avvenuto il 28 giugno 1914 a Sarajevo, e …

View page »

Il Partito socialista italiano di fronte a Caporetto. Dal ”Nè aderire né sabotare” all’ ”Aderire!”

Il Partito socialista italiano di fronte a Caporetto Dal ”Nè aderire né sabotare” all’ ”Aderire!!” Quali furono le reazioni del Partito socialista italiano di fronte al disastro di Caporetto? Si inneggiò alla rivoluzione complice la contemporanea rivoluzione comunista in Russia? Oppure ci fu un atteggiamento di aperta collaborazione con la classe dirigente fino ad assumere …

View page »

La battaglia dell'Ortigara (giugno 1917)

La battaglia dell’Ortigara (giugno 1917), Alpini San Vittore Olona, 30 giugno ‘17 appunti Il 24 maggio del ’15 gli austro-ungarici avevano truppe esigue a protezione di Trento. Forse con manovra ardita si sarebbe potuto tentare di puntare su Trento contando sulla sorpresa iniziale. Così non fu. Dall’altra parte c’erano diverse fortezze a sbarrare il passo …

View page »

La Chiesa durante la guerra

La Chiesa durante la guerra L’elezione al pontificato di Benedetto XV avvenne in un momento difficile: il 5 settembre del 1914 era appena iniziata la guerra ed era in corso la battaglia della Marna, che segnerà la sconfitta delle ambizioni tedesche di arrivare rapidamente a Parigi e porre così fine alla guerra almeno lungo il …

View page »

La fabbrica militarizzata e l’ ”altro esercito”

La fabbrica militarizzata e l’ ”altro esercito” Nel mio intervento introduttivo prenderò in considerazione le trasformazioni che subì il capitalismo italiano con l’inizio della guerra e le modificazioni della condizione operaia nelle fabbriche militarizzate. Quanto dirò rifletterà da vicino anche quanto avvenne anche nelle fabbriche legnanesi. E’ necessario premettere che quella del ’14-18 è una …

View page »

Granate ghisa acciaiosa da 149 – preparazione anime

La Franco Tosi nella Grande Guerra

Breve storia della Franco Tosi fino al 1918 Nel XVI e nel XVII secolo tra Legnano, Busto, Gallarate e Castellanza si ebbe uno sviluppo elevato di industrie per la lavorazione della seta e della lana, tanto che nella prima metà del XIX secolo questa zona è definita come Manchester d’Italia. Ciò fu possibile grazie soprattutto …

View page »

La Grande Guerra a Legnano. La cappella-ossario e la lapide “Bernocchi”

  Con Rete 55 alla scoperta del monumento all’interno del cimitero monumentale – http://www.legnano24.it/2014/11/03/scolpiti-nel-marmo-304-angeli/ – http://www.legnano24.it/2014/11/04/cordoglio-ai-nemici/ La Grande Guerra a Legnano La cappella-ossario e la lapide “Bernocchi” La nostra città non fu coinvolta nelle operazioni belliche come il Friuli o parte del Veneto dopo la rotta di Caporetto (ottobre ’17) ma un osservatore attento può trovare ancora …

View page »

La Grande Guerra, il mito, le cause e le conseguenze

La Grande Guerra, il mito, le cause e le conseguenze È importante dare il giusto spazio alla Grande Guerra al di là del centenario che cade quest’anno. È stata una guerra per molti aspetti del tutto nuova: la prima guerra industrializzata, ha provocato milioni di morti, ha cambiato in peggio la storia dell’Europa e del …

View page »

La Grande Guerra. Le vittime: morti, feriti e invalidi

La Grande Guerra Le vittime: morti, feriti e invalidi appunti È importante dare il giusto spazio alla Grande Guerra al di là del centenario che cade quest’anno (doppio centenario con il prossimo anno). Sono tanti i motivi di attualità. È stata una guerra per molti aspetti del tutto nuova: la prima guerra industrializzata, ha provocato …

View page »

La guerra a quota 2000. La guerra sul Pasubio

La guerra sul Pasubio appunti La guerra sul Pasubio è qualcosa che va al di là del semplice episodio. Dal maggio del’16 si combattè accanitamente fino alla fine della guerra, in spazi ridotti (poche centinaia di metri tra una postazione e l’altra), con un altissimo numero di vittime a più di 2000 metri e quindi …

View page »

La guerra a quota 3000. La guerra bianca sull’Adamello

La guerra a quota 3000. La guerra bianca sull’Adamello Appunti per conferenza Come premessa potrei dire che la guerra bianca è stata molto importante durante i 41 mesi in cui l’Italia fu impegnata nel conflitto. Dallo Stelvio all’Adriatico spesso la linea del confine, lunga circa 650 km, saliva a quote superiori ai 2000-3000 metri. Solo …

View page »

La rotta di Caporetto, 24 ottobre 1917

La rotta di Caporetto 24 ottobre 1917 “Ovunque sono visibili le tracce del nostro bombardamento e della ritirata italiana. Lungo la strada, grosse bocche da fuoco, tirate da una parte a prezzo di grandi sforzi, autocarri rovesciati, resti di tettoie di lamiera sotto le quali gli italiani avevano ammassato scorte di pallottole da fucile che …

View page »

La stampa italiana dentro la guerra

La stampa italiana dentro la guerra “Fabbricare la vittoria” Introduzione Il ruolo della stampa italiana durante il Primo conflitto mondiale è stato poco studiato. Sono disponibile libri che analizzano il ruolo della stampa italiana dall’Unità ad oggi, dove il rapporto stampa-Grande Guerra è analizzato in poche pagine oppure si parla del ruolo dei grandi quotidiani …

View page »

Le donne nella Grande Guerra

Le donne nella Grande Guerra Per le donne il trauma bellico ha certamente significato lutto, sofferenza e ansia materna, ma ha causato senza dubbio anche una frattura dell’ordine familiare e sociale. Mentre la memoria e l’immagine maschile sono caratterizzate generalmente dal senso dell’orrore della violenza gratuita, della sofferenza e della tragedia, alcune testimonianze orali di …

View page »

Le donne nella Grande Guerra

Le donne nella Grande Guerra Introduzione Il centenario della Grande Guerra si sta rivelando un’ottima occasione per conoscere e approfondire capitoli di storia finora poco o nulla conosciuti. Uno di questi è sicuramente il ruolo delle donne all’interno della Prima guerra mondiale. Fino a poco fa erano davvero pochi i libri in lingua italiana che …

View page »

Le industrie di Legnano nella Grande guerra: Franco Tosi e Cantoni

Le industrie di Legnano nella Grande guerra: Franco Tosi e Cantoni Se a Taranto gli operai della Franco Tosi costruivano navi e sommergibili, a Legnano realizzavano i motori per le navi e quelli per i sommergibili. E si realizzavano i lancia siluri, le torpedini, cioè bombe acquatiche. Ma non solo. Queste fotografie sono tratte da …

View page »

LEGNANO DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LEGNANO DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE All’inizio del conflitto mondiale, Legnano contava 28.757 abitanti, avendo registrato l’anno precedente un aumento record di 1.532 unità in relazione alla domanda di manodopera richiesta dalla fiorente industria legnanese. Nel periodo precedente la guerra Legnano aveva 210 industrie per un numero di operai pari a 10.165, di cui 6.750 …

View page »

Legnano nella Grande Guerra - Tesi di laurea di Mattia Gnemmi

Legnano durante la Grande Guerra PRESENTAZIONE DELLA TESI. Questo elaborato è volto ad analizzare il tema del culto dei caduti nella città di Legnano, i modi e i tempi con i quali la cittadinanza e le istituzioni hanno reso omaggio e cercato di tramandare il sacrificio di una generazione di uomini che, sulla linea del …

View page »

Lo sterminio armeno. “Metz Yeghern” (il “Grande Male”)

Lo sterminio armeno “Metz Yeghern” (il “Grande Male”) La nostra storia inizia esattamente il 24 aprile del 1915 quando gli armeni più in vista di Costantinopoli, Smirne, Aleppo furono arrestati e condotti il luoghi appartati per essere subito uccisi. Le vittime sono più di 2000 e appartengono all’elite armena: banchieri, commercianti, intellettuali, esponenti della chiesa. …

View page »

Redipuglia, Gorizia, Trieste, Aquileia, Risiera di San Sabba

Dalle trincee carsiche della Grande guerra agli orrori dei lager nazisti Redipuglia, Gorizia, Trieste, Aquileia, Risiera di San Sabba appunti per conferenza Grazie all’Arci di Brugherio per l’invito e soprattutto complimenti per il viaggio che farete: visiterete Redipuglia, Gorizia, Trieste, Aquileia, la Risiera di San Sabba. Un’occasione importante per capire la Grande guerra senza dimenticare …

View page »

Rischio 1914 Come è scoppiata la Prima guerra mondiale

Rischio 1914 Come è scoppiata la Prima guerra mondiale Questa sera vedremo come è scoppiata la prima guerra mondiale, soprattutto cercheremo di individuarne le cause. Poi vedremo quali erano i piani di battaglia di tedeschi e francesi e come le cose sono andate durante le prime settimane di combattimenti. Ma non dimenticheremo il crollo della …

View page »

Volti, nomi e storie dei soldati di Legnano nella Grande Guerra

  Volti, nomi e storie dei soldati di Legnano nella Grande Guerra I PILOTI Sono 483 i caduti di Legnano di cui abbiamo notizia. Tra essi Carlo Ambrogio Cozzi, Natale Dell’Acqua, Giovanni Battista Leonardo Gandolfo, Carlo Magno Mezzera, Egidio Passoni, Marco Vannuncini facevano parte della cavalleria, ma non della cavalleria a cavallo: un’arma nuova legata …

View page »

“Gente di trincea, storie di soldati italiani al fronte”

“Gente di trincea, storie di soldati italiani al fronte” Appunti per conferenza I temi affrontati saranno tre: – L’entrata in guerra dell’Italia / 24 maggio ‘15 – le trincee e vivere in trincea / “Gente di trincea” – La Guerra bianca in montagna – La guerra sul Pasubio   – L’entrata in guerra dell’Italia / …

View page »

“Intellettuali con l’elmetto. La comunità d’agosto” (1914)

“Intellettuali con l’elmetto. La comunità d’agosto” (1914) Con le “radiose giornate” d’agosto del ‘14, quando l’Europa precipitò i pochi giorni nella prima guerra mondiale, avvenne qualcosa mai accaduto prima: la compatta adesione della comunità europea degli intellettuali alla guerra e in particolare alle ragioni di guerra del proprio paese. Venne chiamata la “comunità d’agosto” nel …

View page »

Vita e morte nelle trincee della Grande Guerra

Vita e morte nelle trincee della Grande Guerra Appunti per una conferenza Il tema di questo incontro è la Grande Guerra, ossia la prima guerra mondiale, e verrà trattato con letture e sequenze di film famosi. Ma l’argomento specifico che vorrei trattare è la guerra di trincea, che è una condizione del tutto particolare del …

View page »

Guerra Italiana 4 Novembre 1918: finisce la guerra

4 Novembre 1918 Finisce la Grande guerra italiana “Muoiono a milioni. L’Europa é folle; il mondo é folle!” Martin Gilbert Il 3 novembre 1918 il governo italiano firmò a Villa Giusti presso Padova l’armistizio con l’impero austro-ungarico. Il 4 novembre fu dato l’annuncio della fine della guerra provocando in tutta l’Italia manifestazioni di entusiasmo e …

View page »