Curriculum

Giancarlo Restelli (1958) insegna Italiano e Storia presso l’Istituto Tecnico “Antonio Bernocchi” di Legnano.

In collaborazione con l’Anpi e l’Amministrazione Comunale di Legnano lavora per il “Giorno della Memoria” dal momento dell’istituzione di questa ricorrenza. Ha lavorato con l’Aned di Milano e il Circolo Buonarroti della stessa città.

In occasione della ricorrenza del 25 Aprile ha realizzato alcuni lavori di carattere storico sulla Resistenza e le stragi naziste in Italia presentati prevalentemente agli studenti di Legnano.

Da alcuni anni è attivamente impegnato nelle scuole,  sale comunali, presso associazioni culturali o nelle biblioteche per la trattazione di tematiche storiche attinenti i propri studi.

Ha visitato alcuni lager nazisti, tra cui Auschwitz, Dachau e Mauthausen, e ha scritto due libri dedicati a questa tematica, “Auschwitz, la barbarie civilizzata” e “Viaggio in un mondo fuori dal mondo” (2004-2005).

Nel mese di febbraio 2007 è stato pubblicato un suo libro dedicato alla tragedia delle foibe e all’esodo istriano: “Le foibe e l’esodo giuliano-dalmata: la storia negata”.

In collaborazione con il Liceo “Cavalleri” di Parabiago ha contribuito alla realizzazione del volume “Il volto di Medusa. Vivere e morire nelle trincee della Grande guerra” (2008).

Una delle ultime pubblicazioni è “Risorgimento, questioni aperte” (2011) in collaborazione con alcuni docenti di cinque Istituti superiori di Legnano e  zona.

Nel 2012 ha curato il libro “Dalla Battaglia d’Inghilterra a Mauthausen. La vicenda umana di Ilario Cavatassi”.

Nel marzo del 2014  ha pubblicato “I deportati politici dell’Alto Milanese” in collaborazione con l’Anpi di Legnano e alcuni colleghi, una vasta ricerca volta a dare un nome e un volto ai tanti deportati politici dell’Alto Milanese.

Nel 2014  ha  lavorato con alcuni colleghi  a una mostra sulla Grande Guerra che è stata  presentata a Cuggiono nel novembre 2014 e poi in altre città in occasione del centenario della Prima guerra mondiale.

Accanto alla mostra Restelli ha collaborato con colleghi e amici nella pubblicazione del libro “Tra fili spinati e trincee. L’inutile strage che segnò il Novecento” (marzo 2015).

Ha pubblicato nell’ottobre del 2016 con alcuni collaboratori un libro sugli intellettuali italiani al tempo della Prima guerra mondiale, “Gli intellettuali e la Grande guerra. Scrittori, artisti, politici italiani nella Prima guerra mondiale tra interventismo e opposizione”.

Attualmente sta lavorando con Renata Pasquetto, Luigi Marcon e Gianni Cattaneo su un libro dedicato a Legnano durante la Grande guerra. Pubblicazione prevista per il novembre 2018.

Politicamente Giancarlo Restelli si riconosce nel marxismo-leninismo di Lotta Comunista.

 Il 5 novembre 2015 è stato insignito dal Comune di Legnano del titolo di “benemerito” per le attività svolte soprattutto nel mondo della scuola.

Il 10 febbraio 2015 il presidente Mattarella ha premiato un documentario realizzato per il Giorno del Ricordo:

http://www.legnanonews.com/news/8/45330/foibe_mattarella_premia_gli_studenti_legnanesi

I suoi studenti vincono da alcuni anni il primo Premio Regione Lombardia / 10 Febbraio, Giorno del Ricordo

Il video vincitore dell’edizione 2016:

  • Il 10 febbraio 2017 con i suoi studenti ha vinto il I premio del Concorso nazionale “Confine orientale” e il I premio della Regione Lombardia.

Le due cerimonie si sono svolte a Roma (Montecitorio) con la presenza di alta cariche dello Stato e a Milano (Pirellone).

Il video vincitore dei due concorsi:

http://www.legnanonews.com/news/scuola/900926/giorno_del_ricordo_dell_acqua_e_bernocchi_raddoppiano
  • Cerimonia a Montecitorio del Giorno del Ricordo, 10 febbraio 2017

http://www.raiplay.it/video/2017/02/Aula-di-Montecitorio-Celebrazione-del-Giorno-del-Ricordo-delle-Foibe-e-dellaposesodo-Giuliano-Dalmata-aca81cba-4fd6-4320-bbbd-09df8c075edf.html

boldrini2

Intervista a Legnanonews sulla Resistenza, 18 aprile ’17
http://www.legnanonews.com/news/eventi/903518/inaugurazione_targa_in_ricordo_della_nascita_della_resistenza
” Da 10 anni, il professor Giancarlo Restelli ha un solo impegno il 27 gennaio: onorare il “Giorno della memoria”.
«PER PRINCIPIO, i ragazzi non sono refrattari alla materia – ha spiegato l’insegnante legnanese-. Sono freddi e, a volte, indifferenti quando il messaggio presuppone il voto e l’interrogazione. Spesso, però, ho visto in loro un autentico interesse quando il racconto si svincola dal programma “da fare a ogni costo”. Appaiono, invece, diffidenti quando il messaggio storico è viziato da un fondo di propaganda politica. Bisognerebbe raccontare il fascismo, la Resistenza, la globalizzazione e altro senza “alzare la voce”, andando a fondo dei problemi. Un film o un documentario non bastano per produrre quella conoscenza che tocca la personalità. Servirebbe un’autentica “educazione alla Shoah”, con un percorso articolato negli anni, fatto di film-documentari, di visite ai lager e di incontri con i sopravissuti. Un percorso che non deve produrre rigetto e noia, anzi voglia di imparare e di aprirsi a nuove conoscenze”. Da “Il Giorno” 13 settembre 2008.